Si sono dissolte le nuvole



Oggi, 21 aprile, pare ci siano stati problemi seri per AWS (i servizi cloud di Amazon) a causa di una interruzione di connettività.

La conseguenza di questo disservizio è stata la "caduta" di molti siti e servizi web che fanno uso di AWS. Questo genere di problemi, oggi è toccato ad Amazon, ma negli ultimi mesi ad altri colossi come Google, sono segnali che nell'IT nessun rischio è riducibile a zero.

In un servizio web, passare da un uptime di 99,5 a 99,6 - solo un decimo percentuale - comporta sforzi progettuali ed investimenti tutt'altro che trascurabili. Nessuna intenzione di fare del terrorismo, ovviamente. Nel cloud (che utilizziamo da tempo) ci sono possibilità di sviluppo imponenti. Bene però ricordarsi che nessun servizio può garantire un uptime del 100%, nemmeno tra le nuvole.

Cloud: Lower initial capital costs and predictable recurring expenses

Cloud services virtually eliminate the need for large infrastructure investments, allowing customers to obtain IT services without major capital expenditures. Cloud services are typically subscription-based. In businesses where cash flow is a top concern, prepackaged cloud solutions offered at predictable monthly subscriptions rates may be ideal. Larger organizations often appreciate the shift to operating costs rather than initial capital expenditures, which can result in a healthier balance sheet. (source: Microsoft Online Services)