Gazzella o leone...

Oggi è un giorno particolare. Uno di quei giorni nei quali i progressi verso il futuro fanno passi più lunghi del solito. Ogni giorno, quasi impercettibilmente, la tecnologia avanza nelle nostre vite. Oggi questo passo è chiaramente percepibile e pesabile.  Dopo un anno durante il quale nel software non ci sono state grandi novità  oggi, quasi in contemporanea web, due giganti dell’informatica hanno lanciato due nuovi prodotti destinati a cambiare lo scenario del web e delle creazione di contenuti nei prossimi mesi.

Microsoft  ha scelto come motto “LIFE RUNS ON CODE”  ed ha presentato Visual Studio 2010, il coding alla portata di tutti, Forse non proprio di tutti, diciamo di molti, ma certo coding semplificato, aiutato, intuitivo, riciclabile. Puoi riciclare anche cose scritte con linguaggi di due generazioni precedenti in modo quasi automatico. Anche il coding sta diventando “verde”.

Adobe ha annunciato la Creative Suite CS5, sostanzialmente no code needed. Puoi fare tutto senza usare il codice, creare quel che vuoi, usando quasi solo i molti strumenti che ti vengono messi a disposizione. 

Come dice la leggenda in Africa, dove non importa se sei leone o gazzella ogni mattina devi alzarti e cominciare a correre, anche sul web, nel mondo digitale, sia che tu scelga l’approccio di Microsoft, sia che tu scelga Adobe, ogni mattina devi pensare, concepire inventare. E ne va lo stesso della sopravvivenza...

Partnership tra Adobe e Barnes & Noble per gli eBook


Adobe e Barnes & Noble hanno reso noto di aver siglato una partnership per promuovere la piattaforma degli open eBook ed in particolare il nuovo eReader "Nook" di B&N . Nel dettaglio Barnes & Noble adottera' EPUB, PDF e Adobe Content Server all'interno del suo Nook mentre Adobe integrerà la tecnologia di Barnes & Noble inerente gli ebook con i propri servizi Adobe Content Server, Adobe Reader Mobile SDK e Adobe Digital Editions.

I clienti che acquisteranno il nook saranno quindi in grado di acquistare e leggere tutto quello che si trova sul sito BN.com così come tutto il materiale che troveranno negli store, nelle librerie o nei sitiweb che adottano la piattaforma Adobe Content Server 4. Da sottolineare che il Kindle di Amazon non supporta invece la lettura di file PDF.

Una notizia che ci fa particolarmente piacere e che ci conferma che quando abbiamo scelto di supportare Adobe Content Server 4.0 su Librilia.com abbiamo guardato nella giusta direzione.

Librilia.com  propone soluzioni basate su Adobe Content Server 4 che vanno dal semplice servizio di On-line Library a consumo sino all'hosting di server ed applicazioni dedicati in modalità ASP. Qualsiasi contenuto digitale può essere convertito o incorporato in un file PDF e quindi protetto e distribuito con la piattaforma Librilia.com basata su ACS4.